sabato 21 gennaio 2012

Google+ si prende Picnik e lo fa chiudere

Forse vi ricorderete di questo discusso post in cui si parlava della possibilità di Google di autodistruggersi, una delle frasi diceva "L'integrazione degli altri servizi potrebbe renderli meno utili se usati al di fuori del social network", ebbene è proprio quello che sta succedendo con Picnik, il popolare servizio di modifica delle foto.
Dal 19 Aprile, infatti, questo servizio, acquistato da Google nel 2010, verrà chiuso, chi ha acquistato un account premium verrà rimborsato per il periodo per il quale non ne usufruirà, tutte le caratteristiche premium sono ora gratuite per tutti.
Picnik chiude, ma possiamo continuare ad usarlo, ovviamente su Google+, dove era già stato integrato (è il kit creativo), di fatto è stato chiuso un servizio molto usato rendendolo disponibile solo per chi è iscritto al social network, dopo la mossa di ieri, di far registrare un account Gmail e Google+ a chi si registra a Google, questa sembra un'altra mossa per portare gli utenti di Picnik verso Google+.
La domanda è sempre la stessa, gli utenti minorenni come faranno dato che non possono iscriversi?


Un'altra integrazione di Google+ nella ricerca è la comparsa del testo "Chiedi ad un amico su Google+" al termine della ricerca, per spingere gli utenti ad utilizzare il social network anche per porre domande.

12 commenti:

  1. Sicuramente è una manovra pensata quella di integrare Picnik a G+, però, per esempi che ho nel quotidiano, non so quanto gioverà a Google: la maggior parte dei miei amici nemmeno ne vuole sentir parlare di Google+. C'è già Facebook, non mi serve un altro social network oppure non posso star dietro a mille cose, G+ è una copia di Facebook ecc.
    In molti usiamo Picknic, io potrò continuare a usufruirne, ma non so quanti saranno disposti a iscriversi a G+ per "seguire" il sito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sul social network che si sbagliano, google+ non è solo un social network ma un information network, uno strumenti di collaborazione dove puoi anche lavorare, dalla mia sto convincendo parecchi, soprattutto possessori di siti web che solo dicendogli che aiuta il posizionamento del sito sono disposti ad iscriversi e seguirlo più di Facebook.

      Elimina
    2. Lo so, ma la maggior parte dei miei amici non possiede siti web e quelli che si sono "convertiti" non hanno mai scritto niente sul loro g+ oppure l'hanno abbandonato dopo poco...io dico sempre che tentar non nuoce, loro mi rispondono che rimangono su fb perchè lì ci sono tutti...ma diventa un circolo vizioso.
      Io mi reputo fortunata di aver ricevuto l'invito per g+ dopo pochissimo che era stato creato!

      Elimina
    3. Vedi Alice quel che dici tu è verissimo... Io sono arrivato alla conclusione che interagire in g+ è mentalmente molto + impegnativo che su fb e molti proprio non ne vogliono sapere di usare il proprio cervello :-))))

      Elimina
  2. E' solo questione di tempo..... come prenderà piede (come Chrome) allora quando molti vedranno gli amici spostarsi su Google Plus in massa ci si metteranno gli altri.

    Una considerazione: se le regole di non ammettere i minorenni rimane, G+ diventerà un information network che avrà senso di esistere perchè tutti (studenti universitari, superiori maggiorenni, lavoro ecc..) lo useranno. Mentre FB rimarrà solo un SOCIAL network col focus sugli adolescenti. Rimarranno i 2 leader con scopi diversi. Ciò che farà vincere G+ e far passare l'adolescente che diventa maggiorenne su G+ quando fa 18 anni e dopo qualche mese/anno cancellarsi da lì e spostarsi con gli amici su G+ così da usarlo per l'università e lavoro. FB si sogna gli strumenti che ha Google: potrebbe farlo solo se si facesse comprare da Microsoft (vedi integrazione della chat con Skype).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci crederai ma proprio stamattina ho scritto un post che parla di information/social network, credo lo pubblicherò lunedì. In ogni caso sono completamente d'accordo con te.

      Elimina
    2. Speriamo che si evolva così!
      (nella speranza che facciano anche un'app per i blackberry però!)

      Elimina
  3. Non aspetto altro che l'articolo Alle!!! :) Se continui così mi costringi a collaborare con te! :)

    Per Alice: chissà.... ma non credo perchè se le cose vanno avanti così RIM dovrà adottare Android o peggio Windows Phone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un aiuto è sempre ben accetto, rimanete collagati.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Io credo che Google sa quello che fa... e rispetto ad altre volte (vedi progetti tipo Buzz e altri finiti del cestino) sembra che stia giocando sfacciatamente d'attacco, tant'è quando è nato G+, Facebook ha introdotto le sue "cerchie"... e ora pezzo dopo pezzo G+ sta introducendo nuove funzionalità, comunque allettanti.
    Infine: un paio di settimane fa ho fatto una prova: a ottobre avevo pubblicato un post sia su FB che su G+, con piccole variazioni, ma parti di testo identiche: ho quindi fatto una ricerca riprendendo un pezzo di frase. Risultato: nella SERP il post di G+ era prima di FB... nonostante sia meno usato. Chissà perché... ;)

    RispondiElimina